Chi sono · Mamma Selvatica

Mamma selvatica: dolce attesa in pandemia.

Riprendo in mano il blog dopo qualche mese.

“Qualche mese” può sembrare poco a molti, ma non se sei una donna e quei “qualche” sono i primi mesi di una nuova gravidanza e soprattuto in tempi di pandemia globale.

Sono lunghi gocciolanti giorni che scorrono, come quando rimane leggermente aperto un lavandino di notte. Tic, tic, tic.. c’è il tempo di sentire tutto, il disturbo di quella lentezza ritmata e insistente, la tua indecisione sull’alzarti o no, il tentativo di ignorare il fastidio, ma anche l’esaltazione del silenzio intorno.

Ecco, sono stati questi i mesi che ho avuto per me tra l’ultimo articolo e oggi. Molte ore chiusi in casa, io e il mio bimbo di un anno e mezzo e la mia pancia che invertiva tutti i trend di questo periodo. Il lavoro di una volta che non c’è più, il tuo nuovo giardino come unica valvola di sfogo ma che improvvisamente pone molti limiti alla tua condizione di neo-gravida… “aspettiamo i tre mesi, non fare sforzi, già il piccolo ti affatica, lascia stare…”.

Tutto è diverso dall’altra volta. I festeggiamenti, gli amici che possono venire a trovarti, il fantasticare tra le bancarelle, la famiglia che accorre dalle varie parti di Italia per sapere, per gioire con te, o almeno per aspettare con te e far scorrere più veloce il tempo. Niente di tutto ciò è possibile ora (oltre al fatto che si sa, dopo il primo nipote, il primo figlio della comitiva, la prima novità del gruppo, la canzone suona diversa, un po’ più in sordina). Quindi l’intima felicità c’è ma la festa vera, l’allegria spensierata è rimandata, è in lockdown pure lei. Il fratello maggiore è ancora nell’età dell’ignoranza e nella confusione generale che provoca tutti i giorni spesso la nuova pancia viene dimenticata quasi.

Ma non per me. Fin dai primi istanti il senso di protezione è stato totale. La mia piccola culla segreta, da proteggere da tutto. Non importa, briciolina, se a fine giornata ti abbiamo dedicato poche attenzioni, tra contagi, mascherine, isolamenti e normali terremoti fraterni, brutti presagi e qualche dito puntato. IO ti tengo qui con me, io lo so che ci sei… me lo sentivo fin dall’inizio che eri una bambina, perché già forte per sopportare tutto quello che accade intorno a noi. Io allargherò la bolla in cui ho già messo tuo fratello, e vi farò vivere ancora per un po’ nella favola che vi meritate. Passeremo i nostri giorni nell’isolamento, nell’essenziale della nostra casa, per proteggervi, per non ammalarci, per non farvi vivere gli incubi di altri bambini.

In questa bolla, che prima o poi scoppierà si spera in una situazione migliore, però ci sono anche io, una ragazza di 34 anni, abituata alla libertà, all’indipendenza, al lavoro, alla velocità, all’adrenalina. Un’animaletto selvatico che adora i grandi spazi aperti, una zingara nell’anima che si nutre di musica e danze, un’istintiva che è abituata ad abbracciare per ricomporre i propri pezzi quando crollano. Ma in tempo di Corona Virus questo non è più possibile.

Questo blog potrebbe evolversi dunque in quello spazio aperto che non possiamo vivere, quell’abbraccio che non contagerà i miei figli nati o in arrivo e nutrire di nuovo la mia mente dell’arte che è ormai proibita intorno a noi. Parlerò di quotidianità della nostra bolla, di ricette in fase nuovi denti, di racconti per bambini, ma anche di come si può sentire una madre, una donna, oggi e sempre, e tutto il clan che le gira intorno.

Se mi leggerete, troverete tutto questo, senza tante pretese, ma solo con la voglia di continuare a condividere le gioie e i dolori come un tempo, ma rispettando le misure di sicurezza.